Home La Parashà della settimana La Parashah della Settimana: Nassò, נָשֹׂא, a cura di rav Shlomo Bekhor

La Parashah della Settimana: Nassò, נָשֹׂא, a cura di rav Shlomo Bekhor

449
0

Parashah della Settimana

Shabbat Shalom carissimi amici e lettori di Vivi Israele. Eccoci al consueto appuntamento con la rubrica della Parashah della Settimana – Nassò, נָשֹׂא, Enumera! (Bamidbar, Numeri 4.21-7.89) – a cura di rav Shlomo Bekhor. Chiunque fosse interessato, può scaricare qui la porzione settimanale di Torah, grazie a Torah.it

11 Sivàn 5781 – 22 Maggio 2021
Parasha Nassò
Accensioni lumi entro l’ora di kabalat Shabbàt della propria sinagoga, Milano: ore 19.50 circa
Shabbat finisce a Milano: ore 21:49

לעילוי נשמת יעקב בן שלמה ורחל
In memoria di mio padre Yaakov ben Shelomo

Quindi, Hashèm istruisce Moshè sulle leggi riguardanti una sospetta adultera. Se un marito ha motivi per sospettare sua moglie di adulterio, dovrebbe prima sollevare il problema con lei in privato. Se le sue azioni continuano a destargli sospetti, la dovrebbe sottoporre a una prova in cui Hashèm stesso indica la sua innocenza o colpevolezza. Questo test funziona solo se i motivi del marito sono totalmente puri – ossia se lui stesso non è colpevole di adulterio – e quando la società nel suo insieme è inorridita dall’adulterio (in considerazione di tutti questi fattori, questo rituale è stato interrotto qualche tempo prima del II secolo a.e.v.).

(continua)

Per il pdf di questa panoramica cliccare qui:
www.virtualyeshiva.it/files/panoramica_nasso.pdf

per il pdf della sintesi cliccare qui:
www.virtualyeshiva.it/files/sintesinasso.pdf

per il pdf della haftara cliccare qui:
www.virtualyeshiva.it/files/haftara_nasso.pdf

Ti riporto sotto i link delle lezioni.

Un caro Shabbat Shalom
Rav Shlomo Bekhor

In memoria del mio carissimo amico Rav Haim Moshe Mordechai ben Dovber Shaikevitz e del mio maestro Rav Ghershon Mendel ben Haim Meir Garelik

Virtual Yeshiva, se il talmid non va dal rabbi, il rabbi va dal talmid! 600 Shiurim online divisi per argomenti. Non perdere l’appuntamento con la parashà mistica e psicologia nella Torà

Per informazioni: www.virtualyeshiva.it

Nassò

Nuova lezione video corta di psicologia di vita
Nassò 35°: una visione stravolgente esoterica

 

Lezione video di questa settimana spaziale
Nasso 35°: come superare il peccato iniziale
Cosa sono i retroscena del peccato iniziale e il piacere del vino?

 

Lezione video di questa settimana spaziale
Nassò 35°: primo che è secondo, secondo che dovrebbe essere primo. Cosa è l’Essenza di Israel e la sua Missione? Perché ci chiamano il popolo del Libro?

Armonia, espulsione e frustrazione
Al seguente link la pagina web della lezione della nostra parashà in formato mp3:

NASSO 5769 – ARMONIA, ESPULSIONE, FRUSTRAZIONE!

Al seguente link potrai scaricare la lezione della Parashà di questa settimana:
http://www.virtualyeshiva.it/files/09_06_04_nasso5769_kehat_ghershon_merari_piubasso_mapiualto.mp3

Per ascoltare le altre lezioni sulla parashà:
http://www.virtualyeshiva.it/2019/06/13/nasso-5772-3-lezioni/

Vittima delle proprie illusioni

אִישׁ אִישׁ כִּי תִשְׂטֶה אִשְׁתּוֹ וּמָעֲלָה בוֹ מָעַל: (במדבר ה, יב)

(continua da sopra)

[Hashèm istruì a Moshè di dire agli israeliti] «Un uomo la cui moglie deviasse, [costringendolo a sospettare che] è stata infedele verso di lui». (5, 12)

Commettere un misfatto è un atto terribile, perché gli israeliti sono “sposati” ad Hashèm. Se gli adulteri non fossero stati sposati, ovviamente il loro comportamento non sarebbe stato giudicato così duramente, poiché non sarebbero adulteri ma solo traditori del patto della relazione. Ma quando l’infedeltà è verso uno sposo allora meritano una punizione.

Lo stesso vale per Israèl. Un misfatto non è semplicemente una trasgressione tecnica, ma è un affronto personale al nostro amato Sposo Divino. Come ebrei la nostra connessione a Lui è così forte, che per noi è impossibile trasgredire la Sua volontà. L’unico modo in cui possiamo commettere un misfatto è quando si inganna se stessi nel pensare che un’azione contro lo “sposo” non metterà a repentaglio la nostra connessione con Lui.
È fondamentale mantenere il ricordo che Hashèm è il nostro “coniuge”, questo ci aiuta a evitare di commettere tali misfatti .

(tratto dal nuovo libro Saggezza Quotidiana in uscita)

Previous articleParashah della Settimana: Bamidbar “Nel Deserto”, a cura di rav Bekhor
Next articleParashah della Settimana: Beha’alotekha “Fa sì che”, a cura di rav Shlomo Bekhor
Mi chiamo Fabrizio Tenerelli, sono un foto-giornalista iscritto all’Albo Professionisti della Liguria. Sono redattore del Settimanale La Riviera e del relativo quotidiano online; sono anche corrispondente dell’Agenzia Ansa dalla provincia di Imperia e corrispondente de Il Giornale (di Milano). Ho diretto per sette anni un quotidiano online locale. Durante la mia ultraventennale esperienza in campo giornalistico ho avuto modo di collaborare per quotidiani nazionali, tra cui: Il Giornale di Milano, Repubblica, Il Giorno, il Messaggero, Il Mattino e via dicendo. Ho anche collaborato, a livello fotografico, con diverse testate nazionali, tra cui: Corriere della Sera, settimanale “Oggi” e via dicendo e per televisioni, tra cui Rai e Mediaset. Ho anche collaborato con radio del panorama locale (Radio 103, per la quale ho svolto per anni i notiziario, curando la redazione) e nazionale, tra cui Radio24, per la quale ho svolto alcuni collegamenti per fatti di cronaca. Nel 2014, inoltre, sono stato in Israele, come free lance in territorio di guerra, durante l’operazione “Tzuk Eitan”. Negli ultimi tempi, mi interesso anche di web marketing, web design e sviluppo di siti in Wordpress, Seo e Sem.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here