Home Ebraismo Tecniche di ghematria avanzata/ 1a Parte/ Tabella

Tecniche di ghematria avanzata/ 1a Parte/ Tabella

5587
0

Sulla ghematria abbiamo già detto che è il metodo utilizzato dai kabbalisti che studia le trasposizioni per le quali una parola può trasformarsi in numero e viceversa. La Kabbalah insegna che due parole con lo stesso valore numerico sono identiche e possono sostituirsi a vicenda in una frase, senza modificare il peso numerico del testo e quindi la energia.

Un metodo che permette di commentare o decodificare alcuni testi. L’alfabeto ebraico è così strutturato: le prima nove lettere, da aleph a tet, sono le unità; le nove successive, da yod a tzadi, sono le decine e le ultime quattro, da qof a tav, sono le centinaia.

La ghematria – e vi invito a leggere (QUI) il mio primo articolo –  stabilisce l’equivalenza tra le parole di peso numerico identico. Ad esempio tra yayin ייו (vino) e sod סוד (segreto). Da qui il proverbio: “Quando entra il vino, il segreto esce” (Devarim Rabbah 10:8). Tra le trentadue regole della Baraita del Talmud, la numero ventinove considera la ghematria come un metodo di interpretazione della Torah.

La Kabbalah sostiene che “D*o è amore e unità” e guardate un po’ cosa succede. Amore, in ebraico, si dice אהבה (ahavah), le cui lettere aleph, he, vet, he sommate danno 1+5+2+5 = 13; la parola unità אחד (echad) è composta dalle lettere alef, khet e dalet, che sommate danno: 1+8+4 = 13.

Guardate ora il tetragramma יהוה composto dalle lettere yod, he, vav, he. La somma dei loro valori è: 10+5+6+5 = 26 = 13 per 2. E, quindi: amore (13) + unità (13) = D*o (26).

Ma attenzione: questo è il metodo più semplice di ghematria. Ma ce ne sono altri: alcuni più semplici, altri più complessi.

In questo viaggio prenderemo come spunto dal kabbalista Georges Lahy.
Iniziamo.

Raguil o Mispar Gadol מספר גדול
(numero/valore grande)

E’ il valore tradizionale che attribuisce valori numerici alle lettere. Esempio: unità אחד echad, parola la cui somma delle lettere è: 1+8+4 = 13

“Kheshbon Passuq” (חשבון פסוק)
ovvero “conta del versetto”

Quando la conta non si limita alle sole parole, ma può interessare intere frasi. 

Ad esempio: prendendo come spunto la Genesi 28:12, quando nel suo sogno, Giacobbe vide elevarsi verso il cielo una scala, abbiamo: “sulam mutsav” (סלם מוצב), tradotto: “scala elevata”, che ha come valore numerico 268, che è lo stesso di “merqavo” (מרכבו), tradotto “il suo carro”. Dunque, un fatto che riconduce alla mistica della “Merkavà” e alla contemplazione del volto di D*o (in cui torneremo).

Mispar Katan מספר קטן
(numero/valore piccolo)

Questo metodo elimina le decine e le centinaia per ricondurre all’unità, cioè a un numero compreso tra 1 e 9. Ad esempio: la resh vale 200 e corrisponde a due; la mem vale 40 e si riduce a 4.

Così facendo scopriamo che בראשית (bereshit) “in principio” la prima parola della Genesi è uguale a: 2+2+1+3+1+4 = 13. Ha, dunque, come abbiamo già visto un legame con le parole echad (unità) e ahavah (amore)

Mispar Siduri מספר סדורי
(numero ordinale)

Ogni lettera, qui, prende il valore del numero che ne indica la posizione nell’alfabeto. Così, ad esempio, la vav che è la sesta lettera, diventa 6; mem che è tredicesima, prende il valore di 13. Questo metodo, però, è spesso contestato, perchè non deriva dai valori tradizionali.

Kollel

E’ una aggiunta al valore tradizionale (raguil). Ci sono quattro modi di aggiungere:

1) Al mispar gadol della parola si aggiunge +1. Es. אחד (echad): 1+8+4 (+1)

2) Al mispar della parola si aggiunge il numero delle lettere che compongono la parola. Es. אחד (echad): 1+8+4 (+3)

3) Al mispar gadol di una frase si aggiunge il numero di parole. Es.: אהבה אחד (ahavah echad) diventa (1+8+4) + (1+5+2+5) +2 = 28

4) Al mispar gadol di una frase si aggiunge il numero delle lettere. Es.: אהבה אחד (ahavah echad) diventa (1+8+4) + (1+5+2+5) +7 = 33

Hameruba Haklali

Il valore corrisponde al quadrato del mispar gadol. Es.: אחד (echad): 1+8+4 = 13 = 13×13 = 169

Hameruba Haperati

Stavolta vengono elevati al quadrato i singoli numeri di ogni lettera. Es.: אחד (echad): 1+8+4 = (1×1) + (8×8) + (4×4) = 81

Per oggi ci fermiamo qui, in modo che possiate assimilare bene questi concetti ed esercitarvi.

Fine prima puntata

Previous articleNetanyahu Meets with Romanian Foreign Minister Teodor Melescanu
Next articleLa parola e la mitzvah del giorno/ 5 del mese di Kheshvan dell’anno 5778
Mi chiamo Fabrizio Tenerelli, sono un foto-giornalista iscritto all’Albo Professionisti della Liguria. Sono redattore del Settimanale La Riviera e del relativo quotidiano online; sono anche corrispondente dell’Agenzia Ansa dalla provincia di Imperia e corrispondente de Il Giornale (di Milano). Ho diretto per sette anni un quotidiano online locale. Durante la mia ultraventennale esperienza in campo giornalistico ho avuto modo di collaborare per quotidiani nazionali, tra cui: Il Giornale di Milano, Repubblica, Il Giorno, il Messaggero, Il Mattino e via dicendo. Ho anche collaborato, a livello fotografico, con diverse testate nazionali, tra cui: Corriere della Sera, settimanale “Oggi” e via dicendo e per televisioni, tra cui Rai e Mediaset. Ho anche collaborato con radio del panorama locale (Radio 103, per la quale ho svolto per anni i notiziario, curando la redazione) e nazionale, tra cui Radio24, per la quale ho svolto alcuni collegamenti per fatti di cronaca. Nel 2014, inoltre, sono stato in Israele, come free lance in territorio di guerra, durante l’operazione “Tzuk Eitan”. Negli ultimi tempi, mi interesso anche di web marketing, web design e sviluppo di siti in Wordpress, Seo e Sem.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here