Home Ebraismo Yom Kippur, il giorno dell’espiazione, il più sacro per l’ebraismo, una breve...

Yom Kippur, il giorno dell’espiazione, il più sacro per l’ebraismo, una breve guida

1610
0
Jew blowing in shofar of Rosh hashana.

Stasera per Israele ha inizio quello che è il giorno più importante di tutta la comunità ebraica ovvero il giorno di Yom Kippùr, contemplato nel trattato talmudico di Yomà.

Mentre a Capodanno (Rosh HaShanà) viene emesso il giudizio, nei dieci giorni di penitenza che ne seguono, che culminano con il digiuno di kippùr, è ancora possibile riscattarsi e vedere iscritto il proprio nome nel “libro dei vivi”.

Quello di kippùr è un giorno dedicato al grande digiuno (tzom rabbà) e la liturgia prevede un numero di selichot ovvero preghiere penitenziali: ‘al chet, avinu, malchenu.

E’ prevista anche le recitazione di cinque amidòt. La preghiera più evocativa, tuttavia, è quella di inizio la kol nidrè (tutti i voti), composta in aramaico all’epoca dei gheonìm. La preghiera prevede lo scioglimento dei voti e l’assoluzione dagli errori commessi.

Ciò non significa, però, che durante l’anno si possa non tener fede ai voti, ai giuramenti o agli impegni, come sostenuto da molti antisemiti.

Il Talmùd, infatti, sostiene che chi commette scientemente peccato, pensando che comunque sarà assolto nel giorno di yom kippùr, non sarà assolto. Come si dice in questo caso: צום קל לכולם (tzom kal lekulam ovvero digiuno leggero, facile… a tutti).

La guida alle festività ebraiche di Tishrì (LEGGI QUI)

Previous articleLa parola e la mitzvah del giorno/ 9 del mese di Tishrì dell’anno 5778
Next articleLa parola e la mitzvah del giorno/ 10 del mese di Tishrì dell’anno 5778
Mi chiamo Fabrizio Tenerelli, sono un foto-giornalista iscritto all’Albo Professionisti della Liguria. Sono redattore del Settimanale La Riviera e del relativo quotidiano online; sono anche corrispondente dell’Agenzia Ansa dalla provincia di Imperia e corrispondente de Il Giornale (di Milano). Ho diretto per sette anni un quotidiano online locale. Durante la mia ultraventennale esperienza in campo giornalistico ho avuto modo di collaborare per quotidiani nazionali, tra cui: Il Giornale di Milano, Repubblica, Il Giorno, il Messaggero, Il Mattino e via dicendo. Ho anche collaborato, a livello fotografico, con diverse testate nazionali, tra cui: Corriere della Sera, settimanale “Oggi” e via dicendo e per televisioni, tra cui Rai e Mediaset. Ho anche collaborato con radio del panorama locale (Radio 103, per la quale ho svolto per anni i notiziario, curando la redazione) e nazionale, tra cui Radio24, per la quale ho svolto alcuni collegamenti per fatti di cronaca. Nel 2014, inoltre, sono stato in Israele, come free lance in territorio di guerra, durante l’operazione “Tzuk Eitan”. Negli ultimi tempi, mi interesso anche di web marketing, web design e sviluppo di siti in Wordpress, Seo e Sem.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here