Lo sapevate… da dove deriva la parola Sion e qual è il...

Lo sapevate… da dove deriva la parola Sion e qual è il suo significato?

535
0
SHARE

Sion

Shalom carissimi amici e lettori di Vivi Israele. Chissà quante volte avrete sentito parlare di Sion, ma credo soprattutto di “sionismo” e “sionisti”. Quest’ultimo è un termine spesso utilizzato in senso spregiativo contro gli ebrei, chiamati “sionisti”. Senza addentrarci troppo nella querelle tra sionismo ed ebraismo, perché vi assicuro che non ne usciamo più, mi limito a dire soltanto questo: l’aggettivo “sionista” è utilizzato, come appellativo, anche nei confronti dei non ebrei che – politicamente – sostengono con forza lo Stato di Israele. Ergo: un non ebreo può essere sionista.

L’accezione spregiativa del termine, invece, è rivolta a quegli ebrei che hanno combattuto per ottenere il proprio Stato e che oggi lottano per vivere nella propria terra. Chi, quindi, è contrario al fatto che Israele abbia un proprio Stato, chiama “sionisti”, nel senso di “imperialisti”, che rivendicano il diritto di Israele ad avere una propria terra.

C’è, poi, una corrente di pensiero, secondo la quale l’antisionismo nasconde un antisemitismo di base. Tutto bene, se non fosse che pure gli ebrei possono essere antisionisti. Vi avevo detto, che non se ne esce più…

Terminata questa breve, quanto dovuta, premessa – visto che a me non piace parlare di politica, ma di ebraismo – riprendiamo il nostro discorso, da dove lo avevamo interrotto. Sappiamo tutti, più o meno, che il termine Sionismo indica quel movimento politico volto alla creazione di uno Stato ebraico, con promotore il giornalista e scrittore Theodor Herzl. Ma la parola Sion (Tzion, צִיּוֹן) da dove deriva? 

Sion è innanzitutto

il nome di un Monte, conquistato dal re David, nel quale nacque il nucleo originario dell’attuale Gerusalemme. La parola Sion deriva da Tziyon (צִיּוֹן), la cui radice, in ebraico, è tz-y-n (צ-י-ן). Nell’ebraico moderno ci sono molti verbi che provengono da questa radice. Uno di questi è letzayen (לציין) che significa “contrassegnare” o “evidenziare”. Questo significato rende Sion un nome appropriato per indicare uno dei luoghi più santi della terra: Gerusalemme.

Alcune tradizioni ebraiche

fanno persino riferimento a Sion come al punto spirituale da cui è stato creato l’intero mondo, situato nel Sancta Sanctorum (Santo dei Santi) del Tempio di Re Salomone. Il Monte Sion (הַר צִיּוֹן), comunque, si trova a Sud-Est dell’attuale Gerusalemme nella zona chiamata Città di David: a Sud, dalla valle del fiume Hinnon, detta Geenna, e a Est dalla valle del fiume Cedron.

Il nome Sion fu usato per la prima volta per indicare la fortezza dei Gebusiti (“la roccaforte di Sion”), a sud-est di Gerusalemme, sotto l’Ophel (collina a nord del Monte Sion) e il Monte del Tempio. Alla sua cattura da parte di David fu ribattezzata “Città di David”.

Corollari del termine Tzion:

Tzion (ציון) Segno

Tzion Derekh (ציון דרך) Pietra miliare

Tzion Leshebakh (ציון לשבח) Encomio o plauso

SHARE
Previous articleLa Parashah della settimana: Re’eh, רְאֵה Vedete! e la resurrezione dei morti
Next articleNetanyahu reaches agreement with Ministers of Finance and Education on NIS 10 million to support the children of Sderot
Mi chiamo Fabrizio Tenerelli, sono un foto-giornalista iscritto all’Albo Professionisti della Liguria. Sono redattore del Settimanale La Riviera e del relativo quotidiano online; sono anche corrispondente dell’Agenzia Ansa dalla provincia di Imperia e corrispondente de Il Giornale (di Milano). Ho diretto per sette anni un quotidiano online locale. Durante la mia ultraventennale esperienza in campo giornalistico ho avuto modo di collaborare per quotidiani nazionali, tra cui: Il Giornale di Milano, Repubblica, Il Giorno, il Messaggero, Il Mattino e via dicendo. Ho anche collaborato, a livello fotografico, con diverse testate nazionali, tra cui: Corriere della Sera, settimanale “Oggi” e via dicendo e per televisioni, tra cui Rai e Mediaset. Ho anche collaborato con radio del panorama locale (Radio 103, per la quale ho svolto per anni i notiziario, curando la redazione) e nazionale, tra cui Radio24, per la quale ho svolto alcuni collegamenti per fatti di cronaca. Nel 2014, inoltre, sono stato in Israele, come free lance in territorio di guerra, durante l’operazione “Tzuk Eitan”. Negli ultimi tempi, mi interesso anche di web marketing, web design e sviluppo di siti in Wordpress, Seo e Sem.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY