Dagli Stati Uniti all’Italia sulle orme dei genitori ebrei in fuga dai...

Dagli Stati Uniti all’Italia sulle orme dei genitori ebrei in fuga dai nazisti

392
0
SHARE

Ebrei

Una famiglia ebrea ha viaggiato dagli Stati Uniti all’Italia sulle orme dei genitori, che circa ottant’anni fa, il primo settembre del 1939, vennero salvati da un commerciante di Ventimiglia (Imperia), che li portò clandestinamente in Francia, a bordo di una barca, salvandoli dalla cattura dei nazifascisti. Oggi Gary Reiner, che vive nel Maryland, con moglie e figli, ha voluto vivere in prima persona quei luoghi descritti dal padre, mancato nel 1985.

A partire da piazza Ettore e Marco Bassi, intitolata ai due ventimigliesi (rispettivamente padre e figlio) appartenenti alla “Comasebit, organizzazione clandestina, che salvò centinaia di ebrei nel Ponente della Liguria; alla baia di “Bagnabraghe” di Bordighera, dove i genitori salparono alla volta di Antibes, così chiamata appunto perché gli ebrei che venivano condotti sulle barche dovevano camminare nell’acqua e quindi si bagnavano le “braghe” ovvero i pantaloni.

La storia

La storia dei due genitori: Kurt ed Hennie Reiner è stata riportata in un libro, scritto dal figlio Gary, scritto dopo oltre trent’anni di ricerche, partite dal racconto del padre e da alcuni documenti. Il titolo è “Counting on America, a Holocaust Memoir of Terror, Chutzpah, Romance and Escape”. “Mio padre, che all’epoca viveva a Vienna, raccontava di essere venuto a Ventimiglia – racconta Gary – perché sapeva che c’era un italiano che aiutava gli ebrei a scappare dai nazisti.

Dopo una breve sosta a Milano, raggiunse la città per un primo sopralluogo, in attesa di tornare con la  moglie”. Quando gli dissero che passando clandestinamente per le montagne avrebbero rischiato di morire, perché i francesi sparavano a vista, decisero di intraprendere un percorso via mare, aiutati anche da alcuni poliziotti.

La fuga

Salpati a Bordighera raggiunsero Antibes e poi Marsiglia, dove: “Due giorni dopo essere arrivati – prosegue Gary – mio padre venne arrestato, perché tedesco di origine e quindi considerato un nemico”. Venne così portato al campo di prigionia di Aix Les Milles, dal quale successivamente venne liberato. Una vicenda che purtroppo non si chiuderà a lieto fine per Ettore e Marco Bassi i quali, una volta saputo che aiutavano gli ebrei, vennero deportati ad Auscwitz, dove morirono.

A loro, il 23 aprile del 2015, venne intitolata la piazza sottostante la biblioteca civica Aprosiana, di via Cavour, a Ventimiglia. Molti sono gli aneddoti che fanno da corollario a questa storia. Da quando Kurt ed Ettore Bassi fecero amicizia, dopo aver portato al pronto soccorso, sul dorso di un cavallo, un altro  ebreo reduce di un campo di concentramento che si era ferito a una mano.

Una grande amicizia

“Fu così che Ettore e mio padre diventarono amici – aggiunge Gary -. Quella stessa sera le due famiglie, marito e moglie, andarono a cena insieme ed ebbero occasione di conoscersi”. Conclude Gary: “Ringrazio la città di Ventimiglia per aver aiutato i miei genitori a scappare. Sono venuto qui in segno di rispetto”. Kurt Reiner restò in contatto con la moglie di Ettore, Esther Bassi. Quest’ultima si raccomandò di ricordare il marito come una persona dal cuore grande.

SHARE
Previous articleLa Parashah della Settimana: Emor, אֱמֹר Dì!, a cura di rav Shlomo Bekhor
Next articleISA Solves Shooting Attacks Carried Out by Zakariya Zbeidi and Tarek Barghut
Mi chiamo Fabrizio Tenerelli, sono un foto-giornalista iscritto all’Albo Professionisti della Liguria. Sono redattore del Settimanale La Riviera e del relativo quotidiano online; sono anche corrispondente dell’Agenzia Ansa dalla provincia di Imperia e corrispondente de Il Giornale (di Milano). Ho diretto per sette anni un quotidiano online locale. Durante la mia ultraventennale esperienza in campo giornalistico ho avuto modo di collaborare per quotidiani nazionali, tra cui: Il Giornale di Milano, Repubblica, Il Giorno, il Messaggero, Il Mattino e via dicendo. Ho anche collaborato, a livello fotografico, con diverse testate nazionali, tra cui: Corriere della Sera, settimanale “Oggi” e via dicendo e per televisioni, tra cui Rai e Mediaset. Ho anche collaborato con radio del panorama locale (Radio 103, per la quale ho svolto per anni i notiziario, curando la redazione) e nazionale, tra cui Radio24, per la quale ho svolto alcuni collegamenti per fatti di cronaca. Nel 2014, inoltre, sono stato in Israele, come free lance in territorio di guerra, durante l’operazione “Tzuk Eitan”. Negli ultimi tempi, mi interesso anche di web marketing, web design e sviluppo di siti in Wordpress, Seo e Sem.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY