Breve storia della Knesset il Parlamento israeliano con sede a Gerusalemme

Breve storia della Knesset il Parlamento israeliano con sede a Gerusalemme

295
0
SHARE

Knesset

Shalom carissimi amici e lettori di Vivi Israele. Con questo articolo voglio entrare nel cuore di Israele. Vi parlerò, infatti, della Knesset (in ebraico הַכְּנֶסֶת haˈkneset), così si chiama il Parlamento israeliano, situato a Gerusalemme. La sua funzione principale è di legiferare e procedere alla revisione delle leggi, quando necessario. Tra gli altri compiti c’è quello di istituire il governo, prendere decisioni politiche, rivedere le attività del governo ed eleggere il Presidente dello Stato. Il Presidente della Knesset agisce come autorità di controllo all’interno delle mura.

Il nome e il numero di deputati (120) della Knesset deriva dalla Knesset Hagedolah (Grande Assemblea) che, secondo la storiografia ebraica tradizionale, era il consiglio ebraico rappresentativo composto da 120 rabbini che governarono nel periodo dopo il tempo dei profeti fino al momento dello sviluppo del giudaismo rabbinico nel 70 e.v.. La moderna Knesset si riunisce per la prima volta, il 14 febbraio del 1949, dopo le elezioni di gennaio dello stesso anno.

Questa seduta inaugurale succedette al governo provvisorio che aveva funzionato come parlamento della comunità ebraica, durante l’era del Mandato Britannico e nei primi mesi dello stato. Nel suo discorso di apertura della sessione inaugurale del 1949, il presidente israeliano Chaim Weizmann disse ai nuovi membri del Parlamento che lo scopo dello stato ebraico sarebbe stato, prima di ogni altra cosa: “Raccogliere gli esuli esuli da tutte le parti del mondo“. Sottolineò che quello era un grande giorno non solo nella vita degli ebrei, ma anche nella storia del mondo.

Per segnare lo storico giorno, viene organizzata una processione di studenti con in mano la bandiera israeliana ed enormi mazzi di fiori, che sfilano attraverso le principali strade di Gerusalemme, fermandosi di fronte ala palazzo dell’Agenzia Ebraica, dove Weizmann, il primo ministro David Ben Gurion, membri del primo Gabinetto e i membri neoeletti della Knesset e gli ospiti, prendono parte a un servizio solenne in onore dei soldati delle Forze di Difesa Israeliane, uccisi in battaglia per stabilire lo Stato di Israele. 

Prima della costruzione della sua sede permanente nel quartiere di Givat Ram a Gerusalemme, la Knesset si è riunita nell’edificio dell’Agenzia ebraica a Gerusalemme; così come nell’edificio del Cinema Kessem a Tel Aviv e nella Froumine House (ebraico בית פרומין; Beit Frumin; conosciuta anche come vecchia Knesset), di Gerusalemme. Chi è nella Knesset? I membri della Knesset (noti anche con il loro acronimo, MK’s) vengono eletti ogni quattro anni, nella rosa di partiti che competono per i voti dell’elettorato.

Ogni partito sceglie i propri candidati della Knesset come ritiene opportuno. Una nuova Knesset inizia a funzionare dopo le elezioni generali, che ne determinano la composizione. Nella prima sessione dopo le elezioni, i membri della Knesset dichiarano la loro fedeltà ad Israele e l’oratore della Knesset e i deputati sono eletti. La Knesset di solito serve per quattro anni, ma può sciogliersi o essere sciolta dal primo ministro in qualsiasi momento durante il proprio mandato. Fino a quando, tuttavia, una nuova Knesset non sarà formalmente costituita dopo le elezioni, la piena autorità rimane all’assemblea uscente.

I Primi Ministri dalla nascita di Israele

Benjamin Netanyahu (dal 2009, uscente)

Ehud Olmert (2006-2009)

Ariel Sharon (2001-2006)

Ehud Barak (1999-2001)

Benjamin Netanyahu (1996-1999)

Shimon Peres (1995-1996)

Yitzhak Rabin (1992-1995)

Yitzhak Shamir (1986-1992)

Shimon Peres (1984-1986)

Yitzhak Shamir (1983-1984)

Menachem Begin (1977-1983)

Yitzhak Rabin (1974-1977)

Golda Meir (1969-1974)

Levi Eshkol (1963-1969)

David Ben-Gurion (1955-1963)

Moshe Sharett (1954-1955)

David Ben-Gurion (1948-1954)

SHARE
Previous articleUn viaggio nel profondo significato dello Shabbat e dei suoi “divieti rabbinici”
Next articleAmato od odiato: il profilo di Benjamin (Bibi) Netanyahu, neo eletto premier di Israele
Mi chiamo Fabrizio Tenerelli, sono un foto-giornalista iscritto all’Albo Professionisti della Liguria. Sono redattore del Settimanale La Riviera e del relativo quotidiano online; sono anche corrispondente dell’Agenzia Ansa dalla provincia di Imperia e corrispondente de Il Giornale (di Milano). Ho diretto per sette anni un quotidiano online locale. Durante la mia ultraventennale esperienza in campo giornalistico ho avuto modo di collaborare per quotidiani nazionali, tra cui: Il Giornale di Milano, Repubblica, Il Giorno, il Messaggero, Il Mattino e via dicendo. Ho anche collaborato, a livello fotografico, con diverse testate nazionali, tra cui: Corriere della Sera, settimanale “Oggi” e via dicendo e per televisioni, tra cui Rai e Mediaset. Ho anche collaborato con radio del panorama locale (Radio 103, per la quale ho svolto per anni i notiziario, curando la redazione) e nazionale, tra cui Radio24, per la quale ho svolto alcuni collegamenti per fatti di cronaca. Nel 2014, inoltre, sono stato in Israele, come free lance in territorio di guerra, durante l’operazione “Tzuk Eitan”. Negli ultimi tempi, mi interesso anche di web marketing, web design e sviluppo di siti in Wordpress, Seo e Sem.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY