Home Impara l'ebraico L’uso del prefisso nell’ebraico moderno per articoli e preposizioni

L’uso del prefisso nell’ebraico moderno per articoli e preposizioni

984
0

Prefisso

Carissimi amici e lettori di Vivi Israele. L’ebraico moderno, molti di voi lo sapranno già, fa largo uso di prefissi e suffissi e, spesso, per tradurre una parola è necessario fare molta attenzione a non confondersi. Oggi vedremo i primi. La lettera ה (he), ad esempio, legata a una parola può anche avere valore di articolo. E sì, perché l’articolo determinativo si attacca sempre al sostantivo che “determina”.

Esempio: הלחם (halekhem) è “il pane”. E’ un po’ come, se in italiano scrivessimo “ilpane”

Altri prefissi sono:  

ב (be) che significa “in”, “nel” etc..

ל (le) che vuol dire “verso”

מ (me o mi) che significa da (provenienza)

ו (ve) la preposizione “e”

ש (she) che…

Ma attenzione: normalmente possono esserci due prefissi uno dietro l’altro, come avviene per le nostre preposizioni, ma con alcune eccezioni. Ad esempio: non si potranno unire la ל e la ב con l’articolo ה, ma l’articolo sarà assorbito da una delle due preposizioni.

Ad esempio: il pane è nella stanza non sarà tradotto: הלחם בהחדר (halekhem behakheder), ma הלחם בחדר (halekhem bakheder)

Quindi: ב (be) + ה (ha) = ב (ba)

ל (le) + ה (ha) = ל (la)

Altra cosa: nei nomi composti, tipo “sala da bagno” l’articolo si unisce come prefisso al secondo nome, quindi: “nella sala da bagno” sarà: בחדר-האמבטיה (bakhadar-haambatia).

Certo, senza vocalizzazione non è semplice, ma l’ebraico moderno è così e quando vi trovate in Israele le vocali le trovate poche volte, soprattutto nei libri per bambini.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here