Home Impara l'ebraico L’alfabeto ebraico e il significato delle lettere: la Alef (א)

L’alfabeto ebraico e il significato delle lettere: la Alef (א)

5131
2

L’alfabeto ebraico

Shalom carissimi amici e lettori di Vivi Israele. Per la rubrica “Impariamo l’ebraico”, voglio iniziare a illustrarvi il significato delle ventidue lettere dell’alfabeto ebraico. Le interpretazioni sono tantissime. Ognuno ha la propria: io ho la mia, ad esempio. Anche perché ogni simbolo va incontro a una interpretazione soggettiva e non ritengo che ci sia una interpretazione univoca. Le lettere dell’alfabeto ebraico sono, a mio avviso opere d’arte, oltre che simbolo molto potente sia nella grafia che nel suono. 

Io mi rifarò – tra le tante interpretazioni – a quella di Paolo De Benedetti: autore del libro “L’alfabeto ebraico” (Morcelliana). Non escludo, prossimamente, di aggiungere l’interpretazione di altri autori. Cominciamo con la prima lettera dell’alfabeto, la alef (א). Secondo alcuni commentatori tradizionali, nelle sua forma quadrata, la lettera sarebbe scomponibile in due yod (le virgolette in alto e in basso) e una vav, la barra diagonale. Per la ghematriah il valore numerico di ciascuna yod (י) è pari 10 e la vav (ו) a 6. Risultato: 26 ovvero il nome divino יהוה numericamente parlando. 

La alef

è stata sempre associata – con riferimento agli alfabeti greco e latino – alla lettera A, anche se in realtà non si tratta di una vocale, ma di un “gancio” muto a cui si attaccano le vocali: a, e, i, o, u. In passato possiamo dire che la Alef aveva un suono gutturale. Oggi invece non viene più pronunciata ed ha il valore di un “glottal stop”, una piccolissima interruzione. Per capirci è un po’ come hamza  (ء) in arabo, pronunciata nel caso dell’arabo come come un colpo di tosse, quando è finale. 

Tornando alla Alef, per capirci meglio è quel colpetto di glottide che segna lo stacco nella pronuncia tra due parole. Ad esempio: nel pronunciare “non ancora”. Insomma, la alef può essere considerata la lettera più silenziosa. All’epoca dell’esilio, in aramaico, la lingua utilizzata nella letteratura rabbinica, questa lettera veniva utilizzata per dare un tono enfatico alle parole, col paradosso che lo stato enfatico veniva dato con l’utilizzo di una lettera muta. 

La alef è anche l’iniziale di אנוכי (anokhì) l’equivalente di אני (anì) che significa io, pronome di prima persona singolare e visto che D*o, quando dà la Torah (Anokhì), possiamo dire – secondo quanto affermato da Di Benedetti che la alef introduce alle orecchie e alla lettura di Israele l’Io divino. Quindi ha il duplice valore, come lettera, di silenzio iniziale di D*o e successivamente del suo parlare.

C’è, quindi, un’altra particolarità

La alef è la lettera iniziale di Adam (Uomo) e Avraham (Abramo).  E così come il termine Adam è connesso ad adamah (terra), così da homo deriva humus. Sia in ebraico che in latino le parole iniziano con una lettera che non si pronuncia: la alef e la h. Una disputa riguarda il motivo per cui D*o crea il mondo partendo dalla seconda lettera dell’alfabeto ebraico, la bet (ב). Bereshit (in principio) è, infatti, la prima parola ed è anche il primo libro della Torah. La risposta è che D*o crea il mondo partendo dalla seconda lettera, ma quando crea la Torah, stabilendo per così dire l’alleanza, inizia con anokhì (io). 

Previous articlePresident and Mrs Rivlin hosted the 22nd Bible Study Group of 929
Next articlePM Benjamin Netanyahu Meets with Hungarian PM Viktor Orban
Mi chiamo Fabrizio Tenerelli, sono un foto-giornalista iscritto all’Albo Professionisti della Liguria. Sono redattore del Settimanale La Riviera e del relativo quotidiano online; sono anche corrispondente dell’Agenzia Ansa dalla provincia di Imperia e corrispondente de Il Giornale (di Milano). Ho diretto per sette anni un quotidiano online locale. Durante la mia ultraventennale esperienza in campo giornalistico ho avuto modo di collaborare per quotidiani nazionali, tra cui: Il Giornale di Milano, Repubblica, Il Giorno, il Messaggero, Il Mattino e via dicendo. Ho anche collaborato, a livello fotografico, con diverse testate nazionali, tra cui: Corriere della Sera, settimanale “Oggi” e via dicendo e per televisioni, tra cui Rai e Mediaset. Ho anche collaborato con radio del panorama locale (Radio 103, per la quale ho svolto per anni i notiziario, curando la redazione) e nazionale, tra cui Radio24, per la quale ho svolto alcuni collegamenti per fatti di cronaca. Nel 2014, inoltre, sono stato in Israele, come free lance in territorio di guerra, durante l’operazione “Tzuk Eitan”. Negli ultimi tempi, mi interesso anche di web marketing, web design e sviluppo di siti in Wordpress, Seo e Sem.

2 COMMENTS

  1. amo tanto Paolo De Benedetti!!! ho visto il suo nome in questo articolo. amo questi articoli. lo ritroverò? adesso non ho la forza per leggerlo -e trascrivere alcuni termini-… anì Roberta

  2. Non posso fermarmi alla alef ed alla lettera successiva appena accennata. Spiegami come si va avanti con le altre lettere. Se si potesse anche sentire la pronuncia, oltre alla canzone su Gerusalemme, non sarebbe male, anche se come dici la alef non ha un suono proprio.
    Un saluto
    Leonardo Ruvolo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here