Lo sapevate chi ha creato il termine antisemitismo e perché è sbagliato?

Lo sapevate chi ha creato il termine antisemitismo e perché è sbagliato?

387
0
SHARE

Lo sapevate?

Shalom carissimi amici e lettori di Vivi Israele. Lo sapevate chi ha inventato il termine “antisemitismo” e sapevate pure che si tratta di una denominazione impropria e fuorviante? Come tutti sapranno, la parola antisemitismo è da sempre usata per indicare l’avversione, se non addirittura l’odio, verso gli ebrei.

La prima volta comparve nel 1879 – quindi in tempi apparentemente non sospetti – negli scritti di un giornalista tedesco che odiava gli ebrei. Un certo Wilhelm Marr (1818-1904), che utilizzò questo termine per enfatizzare l’origine semitica degli ebrei, identificandoli come “razza”, in accordo con quella che sarebbe poi diventata una vera e propria teoria pseudoscientifica promossa dai nazisti, che – distinguendo tra razze superiori (gli ariani) e inferiori (che includevano i Semiti) – vollero così gettare discredito sul popolo ebraico.

Marr giustificò l’esistenza dell’antisemitismo, accusando gli ebrei di aver tentato di dominare la cultura e la società tedesca. Il termine, però, divenne presto un eufemismo, “politicamente accettabile”, per indicare l’odio verso gli ebrei. Intorno al 1881 la parola anti-semitism entra a far parte della lingua inglese. Ma il termine risultò ben presto fuorviante.

La Giudeofobia

Sebbene, infatti, venne coniato per coprire l’ostilità verso gli ebrei con una patina di rispettabilità scientifica, presto venne usato come termine standard per indicare i pregiudizi e la discriminazione contro gli ebrei. “Giudeofobia“, che letteralmente indica una irrazionale paura od odio verso gli ebrei, è un termine molto più appropriato per indicare ciò che sarà conosciuto come antisemitismo.

Quest’ultimo venne coniato soltanto ai primi del 1900, in Francia. La parola judéophobie, però, era utilizzata esclusivamente in ambito storico, per indicare l’ostilità contro gli ebrei dimostrata nel corso della storia, senza dunque un valore sociale.

Aggiungiamo pure che i Semiti sono tutti i popoli che parlano, o hanno parlato, lingue collegate al ceppo linguistico semitico, che nulla, quindi, hanno a che vedere con la razza, perché in realtà sin dall’antichità si sapeva che l’unica razza esistente, in questo mondo, è quella umana e (notate bene) l’uso di teorie pseudoscientifiche serviva soltanto per dare una veste di credibilità a quello che, alla fine, era soltanto un irrazionale odio verso un popolo.

SHARE
Previous articlePrime Minister Netanyahu Meets with Italian Interior Minister Matteo Salvini
Next articlePresident Rivlin met with representatives of Ganzach Kiddush HaShem who deal with Holocaust remembrance
Mi chiamo Fabrizio Tenerelli, sono un foto-giornalista iscritto all’Albo Professionisti della Liguria. Sono redattore del Settimanale La Riviera e del relativo quotidiano online; sono anche corrispondente dell’Agenzia Ansa dalla provincia di Imperia e corrispondente de Il Giornale (di Milano). Ho diretto per sette anni un quotidiano online locale. Durante la mia ultraventennale esperienza in campo giornalistico ho avuto modo di collaborare per quotidiani nazionali, tra cui: Il Giornale di Milano, Repubblica, Il Giorno, il Messaggero, Il Mattino e via dicendo. Ho anche collaborato, a livello fotografico, con diverse testate nazionali, tra cui: Corriere della Sera, settimanale “Oggi” e via dicendo e per televisioni, tra cui Rai e Mediaset. Ho anche collaborato con radio del panorama locale (Radio 103, per la quale ho svolto per anni i notiziario, curando la redazione) e nazionale, tra cui Radio24, per la quale ho svolto alcuni collegamenti per fatti di cronaca. Nel 2014, inoltre, sono stato in Israele, come free lance in territorio di guerra, durante l’operazione “Tzuk Eitan”. Negli ultimi tempi, mi interesso anche di web marketing, web design e sviluppo di siti in Wordpress, Seo e Sem.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY