Lo sapevate… cos’è il Cholent (טשאָלנט) e che differenza c’è tra l’ashkenazita...

Lo sapevate… cos’è il Cholent (טשאָלנט) e che differenza c’è tra l’ashkenazita e il sefardita?/ Nissàn, 19, dell’anno 5778

1066
0
SHARE

Shalom carissimi lettori di Vivi Israele. Oggi è il giorno 19 del mese di Nissàn dell’anno 5778.

Lo sapevate cos’è il Cholent? Beh, immagino che a giudicare dalla foto, avrete già capito, che si mangia. Detto Khamin (חמין) in ebraico; Tsholnt (טשאָלנט) in yiddish o più comunemente Cholent, si tratta di un piatto tipico della Shabbat, preparato il giorno prima e tenuto in forno o su una stufa per tutta la notte, per essere servito al pranzo del sabato.

Si tratta di un “pasticcio” i cui ingredienti differiscono, a seconda che sia stato realizzato secondo la tradizione ashkenazita o sefardita. Carne con l’osso, patate, cipolle e fagioli, sono gli ingredienti principali dei primi. Non di rado con l’aggiunta di collo di gallina faricto (Helz)  o intestini farciti (Kishke).

Nella cucina sefardita, quindi legata alla Spagna e al Nordafrica, tra gli ingredienti principali si usano carne di montone, riso e uova sode, unitamente a spezie orientali, che danno un sapore tutto particolare. Negli shtetl (LEGGI QUI) dell’Europa orientale era usanza lasciare il Cholent tutta la notte nel forno del panificio della comunità, con i bambini che l’indomani lo andavano a prendere per portarlo a casa.

L’origine del nome è per certi versi ancora oscura, ma potrebbe derivare dall’antico francese “chald”, che significa caldo, in virtù del fatto che gli ebrei devono sempre mangiare qualcosa di caldo di Shabbat sia per accrescere la gioia delo spirito che per differenziarsi dai caraiti (LEGGI QUI) che sono contrari ad accendere qualsiasi fuoco di sabato.

Il precetto del giorno è: “Precetto dello Shofàr durante Ròsh HaShanah” (Sarà per voi un giorno di suono – dello Shofàr. Bemidbàr 29, 1).

SHARE
Previous articleLo sapevate… chi era Hillel e le sue famose dispute con Shammai?/ Nissàn, 17, dell’anno 5778
Next articleISA and IDF thwart planned terrorist attack against an Israel navy vessel
Mi chiamo Fabrizio Tenerelli, sono un foto-giornalista iscritto all’Albo Professionisti della Liguria. Sono redattore del Settimanale La Riviera e del relativo quotidiano online; sono anche corrispondente dell’Agenzia Ansa dalla provincia di Imperia e corrispondente de Il Giornale (di Milano). Ho diretto per sette anni un quotidiano online locale. Durante la mia ultraventennale esperienza in campo giornalistico ho avuto modo di collaborare per quotidiani nazionali, tra cui: Il Giornale di Milano, Repubblica, Il Giorno, il Messaggero, Il Mattino e via dicendo. Ho anche collaborato, a livello fotografico, con diverse testate nazionali, tra cui: Corriere della Sera, settimanale “Oggi” e via dicendo e per televisioni, tra cui Rai e Mediaset. Ho anche collaborato con radio del panorama locale (Radio 103, per la quale ho svolto per anni i notiziario, curando la redazione) e nazionale, tra cui Radio24, per la quale ho svolto alcuni collegamenti per fatti di cronaca. Nel 2014, inoltre, sono stato in Israele, come free lance in territorio di guerra, durante l’operazione “Tzuk Eitan”. Negli ultimi tempi, mi interesso anche di web marketing, web design e sviluppo di siti in Wordpress, Seo e Sem.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY