Home "Lo Sapevate...?" “Lo sapevate… cos’è il “Siddur” (סידור) e a cosa serve?/ Adàr, 13,...

“Lo sapevate… cos’è il “Siddur” (סידור) e a cosa serve?/ Adàr, 13, dell’anno 5778

1300
0

Shalom e chag Purim sameakh a tutti, carissimi lettori di Vivi Israele, oggi è il 13 del mese di Adàr dell’anno 5778. Lo sapevate cos’è il “Siddur” (סידור)?

Questo nome, che tradotto dall’ebraico significa ordinamento (e non ordine, che è סדר, seder) indica il libro delle preghiere giornaliere dell’ebraismo (il cosiddetto: sefer hatefilot, ספר התפילות), la cui liturgia è andata lentamente modificandosi dai secoli successivi alla distruzione del Secondo Tempio, ad oggi.

Teniamo presente che variazioni considerevoli tra le forme liturgiche e di preghiera delle varie comunità, hanno portato a marcate differenze tra i vari libri di preghiera e anche nelle versioni del Makhzor (מחזור) il nome dato dagli ashkenaziti al libro che raccoglie le preghiere da recitare in occasione delle feste, che per alcuni sefarditi rappresenta, invece, il libro di preghiere di tutti i gironi. I due principali siddur, quindi, sono quelli che seguono il rito appunto sefardita o ashkenazita (LEGGI QUI la differenza) e all’interno esistono altre differenziazioni. 

Teniamo, inoltre, presente che la liturgia è in continuo sviluppo e cambia anche dalle varie comunità, siano queste riformate o conservative.

Il siddur ha un grande valore per il popolo ebraico, perchè non è un semplice libro di preghiere. Il siddur, dunque, è un acquisto che deve essere fatto con coscienza (per il suo valore spirituale) e cognizione di causa (per le sue differenze).

E’ qualcosa che se da una parte riflette le sofferenze del popolo ebraico, nei secoli; con la sua speranza di essere redento con l’avvento del Messia (LEGGI QUI). Dall’altra non contiene soltanto le preghiere pubbliche da recitare in sinagoga, ma anche molti riti familiari: ad esempio, le benedizioni.

Il precetto (mitzvah) del giorno è: “Mandare via la madre dal nido” (Dovrai mandare via, con fermezza, la madre – sottinteso: prima di catturare i suoi piccoli. Devarìm 22,7). Ci troviamo nelle prescrizioni per il consumo della carne per gli animali.

Previous articleNetanyahu meets with National Defense College course participants
Next article“Lo sapevate… cos’è l’Havdalah (הבדלה) e qual è il suo scopo?/ Adàr, 14, dell’anno 5778
Mi chiamo Fabrizio Tenerelli, sono un foto-giornalista iscritto all’Albo Professionisti della Liguria. Sono redattore del Settimanale La Riviera e del relativo quotidiano online; sono anche corrispondente dell’Agenzia Ansa dalla provincia di Imperia e corrispondente de Il Giornale (di Milano). Ho diretto per sette anni un quotidiano online locale. Durante la mia ultraventennale esperienza in campo giornalistico ho avuto modo di collaborare per quotidiani nazionali, tra cui: Il Giornale di Milano, Repubblica, Il Giorno, il Messaggero, Il Mattino e via dicendo. Ho anche collaborato, a livello fotografico, con diverse testate nazionali, tra cui: Corriere della Sera, settimanale “Oggi” e via dicendo e per televisioni, tra cui Rai e Mediaset. Ho anche collaborato con radio del panorama locale (Radio 103, per la quale ho svolto per anni i notiziario, curando la redazione) e nazionale, tra cui Radio24, per la quale ho svolto alcuni collegamenti per fatti di cronaca. Nel 2014, inoltre, sono stato in Israele, come free lance in territorio di guerra, durante l’operazione “Tzuk Eitan”. Negli ultimi tempi, mi interesso anche di web marketing, web design e sviluppo di siti in Wordpress, Seo e Sem.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here