Home Yiddishkeit Dieci espressioni idiomatiche (con trascrizione) per familiarizzare con la lingua Yiddish

Dieci espressioni idiomatiche (con trascrizione) per familiarizzare con la lingua Yiddish

1612
0

Dieci espressioni idomatiche in lingua yiddish

Carissimi lettori, come vi avevo annunciato, mi piacerebbe dedicarmi anche alla lingua yiddish, oltre a quell’ebraica. La Lingua yiddish, infatti (LEGGI QUI) evoca un passato ormai cancellato dai pogrom prima e dalla Shoah più tardi.

La ritroviamo ancora, certo, soprattutto negli Stati Uniti; a New York in primis. E vi assicuro che girare per Eastern Parkway (Crown Heights) o a Borough Park, ci riporta davvero indietro di molti anni. Ora che sono riuscito a trovare anche una tastiera di lingua yiddish per il mio Mac, posso finalmente sbizzarrirmi.

E sì, per yiddish ed ebraico sono due lingue diverse. Lo stesso alfabeto, molto simile per certi versi è, invece, differente.

Cominciamo, allora.

1) אַזוי גײט עס (azoy geyt es): “così vanno le cose”

2) אום גאָטער װילן (um goter viln): “Se D*o vuole”

3) ווינד און וויי (vind un vey): “Povero me”

4) ?װאָס איז דער מער (vos iz der mer?): “Cosa è successo?”

5) עס טוט מיר װײ (es tut mir vey…): “Mi fa male…”

6) אויף מאָרגן (af morgn): “il giorno dopo”

7) אַ גאָלד (a gold): “che meraviglia)

8) צו פֿיל (zu fil): “troppo”

9) ?װאָס הערט זיך עפּעס (vos hert zikh epes?) “che c’è di nuovo”

10) אַ ײדישער טעם (a yidisher tam): “un sapore ebraico… inteso nel senso di: molto buono!”

La lingua yiddish è un’alternanza di tedesco, ebraico e slavo, che si accavallano in frasi, parole e modi di dire. Nell’ultima frase, ad esempio: il termine “tam” deriva da טעים (ta’im) che in ebraico significa gustoso, ma in questo caso la ע (ayin) che sempre in ebraico è praticamente muta, in yiddish si legge “E”, anche se in questo preciso contesto fa eccezione e si legge “A”: quindi “tam” e non “tem”, in quanto parola di derivazione ebraica.

A sua volta l’yiddish è un miscuglio di dialetti, che variano da regione a regione, da famiglia a famiglia. Spesso alcune espressioni fanno parte di un lessico famigliare.

Previous articlePresident Rivlin visits Salamis Naval Base
Next article“Lo sapevate… cosa significa la parola Chutzpah (חוצפה)?” – Shevat, 16, dell’anno 5778
Mi chiamo Fabrizio Tenerelli, sono un foto-giornalista iscritto all’Albo Professionisti della Liguria. Sono redattore del Settimanale La Riviera e del relativo quotidiano online; sono anche corrispondente dell’Agenzia Ansa dalla provincia di Imperia e corrispondente de Il Giornale (di Milano). Ho diretto per sette anni un quotidiano online locale. Durante la mia ultraventennale esperienza in campo giornalistico ho avuto modo di collaborare per quotidiani nazionali, tra cui: Il Giornale di Milano, Repubblica, Il Giorno, il Messaggero, Il Mattino e via dicendo. Ho anche collaborato, a livello fotografico, con diverse testate nazionali, tra cui: Corriere della Sera, settimanale “Oggi” e via dicendo e per televisioni, tra cui Rai e Mediaset. Ho anche collaborato con radio del panorama locale (Radio 103, per la quale ho svolto per anni i notiziario, curando la redazione) e nazionale, tra cui Radio24, per la quale ho svolto alcuni collegamenti per fatti di cronaca. Nel 2014, inoltre, sono stato in Israele, come free lance in territorio di guerra, durante l’operazione “Tzuk Eitan”. Negli ultimi tempi, mi interesso anche di web marketing, web design e sviluppo di siti in Wordpress, Seo e Sem.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here