Home I simboli dell'ebraismo Tevet, 20 dell’anno 5778/ I simboli dell’ebraismo: נר תמיד (Ner Tamid)

Tevet, 20 dell’anno 5778/ I simboli dell’ebraismo: נר תמיד (Ner Tamid)

1093
0
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Shalom a tutti, carissimi lettori. Oggi è il 20 del mese di Tevet dell’anno 5778 (a dir il vero saremo già nel 21…).

Il simbolo dell’ebraismo del giorno è: נר תמיד (Ner Tamid) ovvero la luce eterna della lampada che “brucia” perpetua nelle sinagoghe, dinanzi o comunque vicino all’aron ha-qodesh, l’armadio sacro deputato a contenere il “Sefer Torah”, i rotoli della legge (LEGGI QUI).

Ma rappresenta anche la luce che bruciava, in modo perpetuo, nella sezione occidentale dell’antico Tempio di Gerusalemme. Nella Torah D*o comanda che gli israeliti portino olio di oliva al mishkan (tabernacolo), affinché Aaron possa realizzare un ner tamid, che sprigioni una luce continua e regolare, di fronte all’arca santa. I passi di riferimento della Torah sono:

(Shemòt: 27,20-21): 20 Tu ordinerai agli Israeliti che ti procurino olio puro di olive schiacciate per il candelabro, per tener sempre accesa una lampada.

21 Nella tenda del convegno, al di fuori del velo che sta davanti alla Testimonianza, Aronne e i suoi figli la prepareranno, perché dalla sera alla mattina essa sia davanti al Signore: rito perenne presso gli Israeliti di generazione in generazione.

(Vaikrà 24: 2-3): 2 «Ordina ai figli d’Israele di portarti dell’olio di oliva puro, vergine, per il candelabro, per tenere le lampade sempre accese.

3 Aaronne lo preparerà nella tenda di convegno, fuori della cortina che sta davanti alla testimonianza, perché le lampade ardano sempre, dalla sera alla mattina, davanti al Signore. È una legge perenne, di generazione in generazione.

4 Egli le disporrà sul candelabro d’oro puro, perché ardano sempre davanti al Signore.

Per quanto molti considerino il ner tamid come un sinonimo di menorah, possiamo tuttavia considerare la prima una luce separata, che brucia dalla sera ala mattina, testimoniando la presenza divina tra le persone.

Si dice pure che la Shekhinah ovvero l’aspetto femminile di D*o sia presente nella luce eterna. Dopo la distruzione del tempio iniziarono ad accendere una speciale lampada ad olio, prima nel muro occidentale della Sinagoga e successivamente sopra l’aron ha-qodesh per commemorare la menorah del Tempio e a testimoniare la continua presenza di D*o tra gli israeliti.

Ai giorni nostri, tuttavia, l’olio è stato sostituito con una lampadina. Il precetto del giorno è: “Una persona affetta da tzarà’at deve stracciare i propri abiti“. (I suoi vestiti saranno strappati, la sua capigliatura sarà scomposta e metterà una copertura sul labbro superiore e annuncerà: impuro, impuro. Vaikrà 13, 45).

Previous articleA rare prehistoric site uncovered in Jaljulia in the Sharon Region/ VIDEO
Next articleTevet, 21 dell’anno 5778/ I simboli dell’ebraismo: צבר (tzabar)
Mi chiamo Fabrizio Tenerelli, sono un foto-giornalista iscritto all’Albo Professionisti della Liguria. Sono redattore del Settimanale La Riviera e del relativo quotidiano online; sono anche corrispondente dell’Agenzia Ansa dalla provincia di Imperia e corrispondente de Il Giornale (di Milano). Ho diretto per sette anni un quotidiano online locale. Durante la mia ultraventennale esperienza in campo giornalistico ho avuto modo di collaborare per quotidiani nazionali, tra cui: Il Giornale di Milano, Repubblica, Il Giorno, il Messaggero, Il Mattino e via dicendo. Ho anche collaborato, a livello fotografico, con diverse testate nazionali, tra cui: Corriere della Sera, settimanale “Oggi” e via dicendo e per televisioni, tra cui Rai e Mediaset. Ho anche collaborato con radio del panorama locale (Radio 103, per la quale ho svolto per anni i notiziario, curando la redazione) e nazionale, tra cui Radio24, per la quale ho svolto alcuni collegamenti per fatti di cronaca. Nel 2014, inoltre, sono stato in Israele, come free lance in territorio di guerra, durante l’operazione “Tzuk Eitan”. Negli ultimi tempi, mi interesso anche di web marketing, web design e sviluppo di siti in Wordpress, Seo e Sem.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here