Israele: la polizia dichiara guerra ai ‘clown spaventosi’

Israele: la polizia dichiara guerra ai ‘clown spaventosi’

2613
0
SHARE

Pubblichiamo questa curiosa agenzia Ansa. Clown spaventosi che mettono paura ai bambini. Una moda che rimbalza da oltreoceano e che sta scuotendo anche Israele, tanto che la polizia ha deciso di dare un freno…

Hanno maschere da clown, si aggirano in preferenza all’imbrunire, talvolta hanno con sé oggetti contundenti e fanno spaventare i bambini più piccoli: sono gli emuli del thriller statunitense IT tratto da un romanzo di Sthephen King – in cui un uomo mascherato da clown aggredisce bambini – che nelle ultime settimane sono stati segnalati in un numero crescente di città israeliane.

Il fenomeno, ha riferito oggi la polizia, sta mettendo radici e comincia ad allarmare. Di conseguenza gli agenti di pattuglia hanno avuto ordine di intervenire immediatamente ad ogni segnalazione.

Finora in diverse città sono stati fermati complessivamente
una ventina di ‘pagliacci’: per lo più, afferma la polizia, erano adolescenti. I più piccoli avevano 12 anni. In maggioranza
non avevano armi, ma in alcuni casi sono stati sequestrati coltelli. Secondo la stampa, fenomeni analoghi sono stati segnalati anche negli Stati Uniti, con l’inizio della programmazione di IT. In Israele, viene aggiunto, c’è un rischio addizionale: che sotto la maschera sorridente di un clown possa celarsi un attentatore palestinese.

La foto è tratta da: Aliexpress

SHARE
Previous articleBennet detta le regole per il ritorno a Gaza di Abu Mazen: “Vogliamo i corpi dei due militari”
Next articleLa parola e la mitzvah del giorno/ 14 del mese di Tishrì dell’anno 5778
Mi chiamo Fabrizio Tenerelli, sono un foto-giornalista iscritto all’Albo Professionisti della Liguria. Sono redattore del Settimanale La Riviera e del relativo quotidiano online; sono anche corrispondente dell’Agenzia Ansa dalla provincia di Imperia e corrispondente de Il Giornale (di Milano). Ho diretto per sette anni un quotidiano online locale. Durante la mia ultraventennale esperienza in campo giornalistico ho avuto modo di collaborare per quotidiani nazionali, tra cui: Il Giornale di Milano, Repubblica, Il Giorno, il Messaggero, Il Mattino e via dicendo. Ho anche collaborato, a livello fotografico, con diverse testate nazionali, tra cui: Corriere della Sera, settimanale “Oggi” e via dicendo e per televisioni, tra cui Rai e Mediaset. Ho anche collaborato con radio del panorama locale (Radio 103, per la quale ho svolto per anni i notiziario, curando la redazione) e nazionale, tra cui Radio24, per la quale ho svolto alcuni collegamenti per fatti di cronaca. Nel 2014, inoltre, sono stato in Israele, come free lance in territorio di guerra, durante l’operazione “Tzuk Eitan”. Negli ultimi tempi, mi interesso anche di web marketing, web design e sviluppo di siti in Wordpress, Seo e Sem.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY