Fotoservizio: 4 passi a Mea Shearim, nello “shtetl” di Gerusalemme

Fotoservizio: 4 passi a Mea Shearim, nello “shtetl” di Gerusalemme

1203
0
SHARE

Se volete respirare l’atmosfera di uno shtetl dell’Europa Orientale di metà dell’Ottocento, restando, però, in Medio Oriente, allora dovete per forza fare una passeggiata nel quartiere di מאה שערים (Mea Shearim), di Gerusalemme, che significa le “cento porte” (o cancelli). Il quartiere, fondato nel 1874, fuori dalle mura della città vecchia, prende il nome dall’omonima strada rehov (via) Mea Shearim. Laggiù vivono gli ebrei haredi, ovvero gli ultraortodossi e conservatori.

Il nome “mea shearim” deriva da un versetto della Parashah (Toledot) che è stata letta la settimana in cui l’insediamento fu fondato: “Isacco seminò in quel paese, e trovò in quello stesso anno il centuplo: tanto lo benedisse il Signore. (Bereshit 26, 12).

Il quartiere è molto osservante dei precetti della Torah, quindi attenzione a come vestite e a quando entrate. All’ingresso, non a caso, ci sono dei cartelli che invitano i turisti a vestire in maniera pudica. Niente scollature, ombelichi scoperti, ma camicie con maniche lunghe e gonne sino al ginocchio.

I capelli delle donne sposate, inoltre, devono essere coperti. Durante lo shabbat, poi, attenzione a non fumare, a non usare il cellulare o altri apparecchi elettrici.

Così come è vietato mangiare in pubblico, durante i giorni di digiuno, tipo Yom Kippur, che sarà celebrato da venerdì prossimo (29 settembre), fino alla sera del 30 settembre. Attenzione pure a fotografare, perchè non sempre è gradito e rischiate di farvi cacciare in malo modo.

Alla fine, siamo noi che entriamo in casa di altri e dobbiamo portare rispetto, visto che nessuno ci obbliga a visitare il suggestivo quartiere, colmo di negozi che vendono articoli di “judaica“, molti anche di importazione.

SHARE
Previous articleEN/ Terror attack in Har Adar: president Rivlin pays condolence visits to the families of Or Arish and Youssef Othman
Next articleLa parola e la mitzvah del giorno/ 8 del mese di Tishrì dell’anno 5778
Mi chiamo Fabrizio Tenerelli, sono un foto-giornalista iscritto all’Albo Professionisti della Liguria. Sono redattore del Settimanale La Riviera e del relativo quotidiano online; sono anche corrispondente dell’Agenzia Ansa dalla provincia di Imperia e corrispondente de Il Giornale (di Milano). Ho diretto per sette anni un quotidiano online locale. Durante la mia ultraventennale esperienza in campo giornalistico ho avuto modo di collaborare per quotidiani nazionali, tra cui: Il Giornale di Milano, Repubblica, Il Giorno, il Messaggero, Il Mattino e via dicendo. Ho anche collaborato, a livello fotografico, con diverse testate nazionali, tra cui: Corriere della Sera, settimanale “Oggi” e via dicendo e per televisioni, tra cui Rai e Mediaset. Ho anche collaborato con radio del panorama locale (Radio 103, per la quale ho svolto per anni i notiziario, curando la redazione) e nazionale, tra cui Radio24, per la quale ho svolto alcuni collegamenti per fatti di cronaca. Nel 2014, inoltre, sono stato in Israele, come free lance in territorio di guerra, durante l’operazione “Tzuk Eitan”. Negli ultimi tempi, mi interesso anche di web marketing, web design e sviluppo di siti in Wordpress, Seo e Sem.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY